Il sito web dello psicologo e/o psicoterapeuta è un costo oppure un investimento proficuo e redditizio?

Molti terapeuti sono convinti che investire per realizzare un sito web sia una spesa inutile e che non apporti vantaggi alla propria professione.

In questo articolo voglio spiegarti nel dettaglio come comprendere se la somma che userai per promuoverti su internet sarà ben spesa.

Il sito web dello psicologo: quando è redditizio?

Ti avevo già parlato dell’utilità e della necessità di avere un sito internet per uno psicologo, oggi voglio farti aiutarti a definire il ROI della spesa per la realizzazione dello stesso.

Il ROI, Return on Investment, è quell’indice che permette di quantificare la redditività di un investimento effettuato.

Conoscendo l’avversione naturale della maggioranza degli psicologi alle formule matematiche ed ai calcoli, eviterò di porre la questione in termini matematici per evitare di ravvivare gli incubi dell’esame di statistica ed analisi dei dati.

Semplicemente devi comprendere se la spesa che sosterrai sarà ripagata totalmente dai ricavi conseguenti ad essa e se potrai avere un margine di profitto.

In parole povere, per il realizzare tuo sito spenderai una determinata cifra: se non recupererai almeno quella somma, per te sarà stato un costo; se il sito ripagherà la tua spesa e genererà guadagni, avrai fatto un buon investimento.

Come misurare il ROI del tuo sito web?

Per misurare il tuo ROI devi ragionare sull’investimento: quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere attraverso il tuo sito?

Semplificando al massimo, potremmo dire che il tuo obiettivo principale sarà quello di acquisire nuovi pazienti, per guadagnare di più.

Di quanti pazienti avrai quindi bisogno per ripagare l’investimento del sito?

Devi scegliere quale vuoi che sia il costo di acquisizione che vorrai sostenere per ogni singolo paziente.

Un buon metodo di misurazione può essere convertire in ore lavorative il prezzo del sito: se un sito ti costa 1000 euro, quante ore dovrai lavorare per pagarlo?

Considerando che in media un’ora di lavoro ti frutta 30/50 euro netti, per comprare il sito ti serviranno circa 20/30 ore di lavoro.

Ora, considerando che un paziente in terapia lo si vede almeno una volta a settimana, per un periodo variabile (da poche sedute a vari anni); ipotizziamo che lo vedrai per un anno (circa 50 incontri) e traiamo le conclusioni.

Ti può interessare anche: I vantaggi del blog dello psicologo: metti le ali al tuo sito web!

Quante ore del mio lavoro mi costerebbe il sito?

Un singolo paziente giunto tramite il sito web può ripagare il tuo sito in meno di un anno; già il secondo paziente, che come il primo non ti avrebbe mai trovato o scelto senza il sito, ti porterebbe un guadagno.

Se decidi di realizzare il tuo sito, sicuramente speri che ti aiuti a trovare più di due pazienti.

Se invece vuoi distribuire il costo su più pazienti, immagina di offrire loro delle sedute di prova gratuite.

Un buon esempio potrebbe essere pensare di offrire ipoteticamente una sedute gratuita ciascuno: dopo 20/30 ore di colloqui avresti ammortizzato il costo del tuo sito.

Questo è ovviamente un ragionamento semplificato, ma può bastare a farti comprendere che un investimento che può sembrarti consistente può aiutarti a riempire il tuo studio in maniera abbastanza rapida.

Quanto devi spendere per il tuo sito?

Il sito web dello psicologo costo o investimento proficuo

Un punto fondamentale nel tuo investimento sarà stabilire quanto vorrai spendere per il tuo sito.

Una spesa maggiore richiederà più tempo per essere ammortizzata e per fornirti un utile: dovrai quindi cercare la somma giusta da investire per migliorare la qualità del tuo investimento.

Un sito gratuito ad esempio può essere conveniente se sei in grado di realizzare un buon prodotto che sappia attrarre clienti.

Se il sito non sarà bello, performante e funzionale, non attrarrà nuovi clienti: quindi non avrai risultati ed avrai solo perso tempo.

Se non hai le basi per impostare la SEO del tuo sito e se non hai nozioni di usabilità e web design, ti converrà rivolgerti a un professionista!

È un po’ come quando perdi una settimana di lavoro per tinteggiare casa da te ed alla fine ti rendi conto che un imbianchino avrebbe fatto meglio ed in meno tempo: non sempre il fai da te conviene!

Inoltre, ti consiglio di affidarti a una persona che conosca bene la tua professione di psicologo e psicoterapeuta e che sappia comprendere ciò di cui hai bisogno: il tuo sito non deve vendere ma creare una relazione di fiducia; la terapia psicologica non è una merce come le altre.

Il tuo sito deve trasmettere professionalità, ispirare fiducia e rispondere alla richiesta di benessere psicologico di chi ha bisogno del tuo supporto.

Se sei interessato, scopri quanto può costarti un sito web realizzato da un esperto di psicologia e di web marketing!


Se ti è piaciuto questo articolo e l’hai trovato utile, condividilo per fare in modo che qualcun altro possa leggerlo.

Se hai domande o curiosità, lascia un commento sotto l’articolo.

Se hai bisogno di consulenza, di un preventivo per il tuo sito o per la tua strategia online, contattami!


Commenti